Pre Loader

Ecocompatibilità della costruzione

La bioarchitettura si fonda sull’ecocompatibilità dell’edificio, ovvero della sostenibilità ambientale della costruzione. Lo studio adotta le azioni necessarie riguardo alla progettazione e alla realizzazione delle opere. L’impiego di prodotti ecologici consente di avere basse emissioni inquinanti e un basso fabbisogno energetico, ma per poter sviluppare questo tipo di progetti richiede un processo specifico. Si devono rispettare parametri rigorosi previsti dalle norme e soprattutto dal contesto ambientali in cui si edifica, perché ci vuole una completa armonia, sia dal punto di vista tecnico sia per quanto riguarda l’aspetto estetico. Si agisce secondo tre obiettivi principali: la tutela del luogo, che deve sempre essere trattato come una priorità; la tutela delle risorse per risparmiare sull’uso delle risorse energetiche; la tutela della salute, ottenuta attraverso l’uso di tecnologie e materiali in grado di portare salubrità tra le mura domestiche. Le esigenze degli occupanti dell’edificio sono un punto importante, quindi si ascoltano le loro richieste e si individuano le soluzioni più opportune per combinare la sostenibilità con il comfort. I fattori che incidono sulla compatibilità ambientale sono gli strumenti normativi per pianificare il progetto, le procedure per gestire in modo controllato il processo di creazione del progetto, le procedure che prevedono il miglioramento delle prestazioni ambientali dell’immobile e la valutazione dell’impatto ambientale dei materiali scelti durante tutto il loro ciclo di vita. La natura circostante deve sempre essere presa in considerazione per ogni decisione presa durante la costruzione.